Artrite gonococcica quadro clinico

Comment

Altri articoli
Pubblicità 

Artrite gonococcica quadro clinico

Il batterio Neisseria gonorrhoeae che causa la gonorrea può diffondersi in vari distretti del corpo producendo una patologia grave nota come infezione gonococcica sistemica oppure artrite gonococcica, questa complicanza determina eruzioni cutanee ed infiammazione delle articolazioni. Più precisamente l’artrite gonococcica viene classificata in due forme: la prima si caratterizza per la manifestazione di eruzioni cutanee su diverse articolazioni, con coinvolgimento delle grandi articolazioni a livello delle giunture, riguardando soprattutto  ginocchia, polsi, gomiti ed articolazioni metacarpofalangee; la seconda provoca la diffusione dei batteri attraverso il sangue  attivando il quadro patologico della gonococcemia diffusa, in questo caso la sede dell’infezione interessa una singola articolazione. I sintomi più comuni che accompagnano il decorso della condizione patlogica sono rappresentati da: stato febbrile; dolore addominale; dolore a livello delle articolazioni; dolore alle mani oppure ai polsi a causa di un’infiammazione del tendine; eruzione cutanea di colore rossastro contenente pus. La diagnosi si basa sull’esame dei sintomi e dalle analisi di laboratorio, è importante eseguire la coltura del batterio per stabilire il trattamento più adeguato al quadro clinico del paziente, spesso si ricorre ad una diagnosi differenziale per escludere altre patologie che presentano manifestazioni simili quali la sindrome di Reiter o l’artrite reumatoide. Dopo la diagnosi dell’artrite gonococcica è opportuno impostare un approccio terapeutico ad hoc per scongiurare l’eventuale insorgenza del dolore articolare cronico, la cura della gonorrea che ha provocato l’artrite gonococcica consiste nella somministrazione di farmaci antibiotici.

Altre forme di artriti settiche

artrite-gonococcica

artrite gonococcica

Il gonococco rappresenta il principale responsabile delle artriti settiche ma vengono distinte altre forme di artriti settiche scatenate da patogeni diversi quali lo Staphylococcus aureus oppure gli streptococchi (streptococco beta-emolitico di gruppo A). Oltre a questi patogeni anche il batterio Haemophilus influenzae è un fattore ezilogico che può scatenare questa problematica, in particolare questo batterio gram negativo è implicato nella maggior parte delle artriti settiche acute nel bambino. La letteratura clinica segnala inoltre delle forme di artriti settiche attivate da altri fttori eziologici seppur meno frequenti quali: Mycobacterium tuberculosis, Borrelia burgdorferi, Pseudomonas aeruginosa, Aspergillus spp., Candida spp., virus dell’HIV.

Pubblicità 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.