Artrite secondaria caratteristiche

Comment

Approfondimenti
Pubblicità 

Artrite secondaria caratteristiche

Si parla di artrite secondaria per indicare un tipo di artrite che tende a manifestarsi come conseguenza diretta di un ripetuto trauma che interessa un’articolazione oppure una coppia di articolazioni, in genere il fattore predisponente che causa l’insorgenza di questa condizione patologica è rappresentata da un trauma, ma possono essere presenti altre condizioni predisponenti quali: una malattia del metabolismo, alcune patologie a carico dell’osso, lo svolgimento di un tipo di attività lavorativa che sollecita una o più articolazioni. I soggetti colpiti da questa condizione patologica risentono di alcuni caratteristici sintomi rappresentati da: manifestazione di dolore, che interessa una o più articolazioni, che diventa più severo quando il soggetto svolge il movimento, mentre il dolore  si riduce con il riposo; limitazione del movimento; crepitio articolare che diventa più marcato nel corso del movimento; deformazioni molto evidenti a livello delle articolazioni distali. Si possono identificare delle fore di artriti secondarie a malattie non reumatiche quando i disturbi a carico delle articolazioni si sviluppano come conseguenza di alcuni tipi di tumori ed affezioni che colpiscono la tiroide ed il sangue. Per altre notizie si rimanda alla lettura di http://www.abcsalute.it/atlante-anatomico/patologie/artrosi-secondaria.html.

Possibili trattamenti

artrite secondaria

artrite secondaria

Una possibile forma di artrite secondaria si diagnostica attraverso un esame obiettivo che consente duìi valutare l’interessamento delle ossa a cui si associa di solito l’insorgenza di una sensazione acuta di dolore che si palesa durante la palpazione della sede interessata dal disturbo e quando si esegue movimento. Per una maggiore conferma diagnostica si eseguono delle indagini radiologiche, che permettono di rilevare la riduzione dello spazio articolare. Per migliorare la condizione dei pazienti si raccomandano diversi trattamenti che collaborano insieme per lenire il quadro dei sintomi, tra gli approcci da seguire si raccomanda di ridurre il peso corporeo con esercizi che rafforzano i muscoli e di ricorrere a dei farmaci topici che leniscono di solito la sensazione dolorosa, spesso si prescrivono farmaci antinfiammatori; nei casi più severi il medico prescrive iniezioni intra-articolari di farmaci condroprotettori con lo scopo di rallentarela distruzione della cartilagine, nei casi più gravi si sottopone il paziente ad un trattamento di chirurgia.

Pubblicità 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.