Epicondilite quadro patologico

Comment

Altri articoli
Pubblicità 

Epicondilite quadro patologico

Il processo degenerativo dei tendini che si inseriscono nel gomito, con dolore localizzato all’epicondilo, prende il nome di epicondilite (epicondilalgia omerale), una condizione che tende a colpire con maggiore frequenza quei soggetti che eseguono ripetutamente movimenti di flessione del braccio e rotazione del polso. A causa di uno scorretto uso di tale articolazione si verifica una messa in sovraccarico, che scatena come conseguenza diretta l’infiammazione della componente epicondilare; in alcuni casi il quadro dell’epicondilite può essere associata ad altre condizioni patologiche a carico del rachide cervicale (c5-c6-c7). L’epicondilo identifica il distretto anatomico collocato all’altezza dell’articolazione del gomito, quindi ad essere interessata dall’epicondilite è l’area sopra il gomito dove si irradia il processo infiammatorio dei muscoli che si inseriscono sull’epicondilo. Il paziente risente nello stadio avanzato e grave della degenerazione non solo di dolore ma anche di impossibilità di alcuni movimenti semplici. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di https://www.mdmfisioterapia.it/patologie/epicondilite/.

I segni clinici da valutare nella diagnosi della patologia

epicondilite

epicondilite

Per diagnosticare correttamente la condizione di epicondilalgia omerale, rappresentano dei dati clinici rilevanti per identificare il quadro patologico due segni distintivi quali: il dolore dell’epicondilo alla palpazione ed il dolore a carico dei muscoli epicondilari. Il paziente colpito da questa affezione risente di una sensazione di dolenza alla palpazione dell’epicondilo, questo sintomo si registra quando il gomito viene piegato a 90 gradi per palpare il tendine comune epicondileo, l’interlinea omero-radiale, il bordo esterno della testa radiale e la zona in cui emerge il nervo radiale. Inoltre nel corso della palpazione si riscontrano dei cordoni mialgici nel muscolo corto supinatore e nei muscoli radiali. Un altro segno clinico che permette di formulare la diagnosi dell’epicondilite si rintraccia nella manifestazione di dolore provocato nei muscoli epicondilari, quando si chiede al paziente di eseguire un movimento di estensione contrastata del polso a dita flesse e l’estensione contrastata delle dita, con interessamento sostanziale in particolare del dito medio.

Pubblicità 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.